Quando i duri iniziano a giocare, nel mondo MTB, arriva lei: Specialized Turbo Levo. O, meglio, la nuova Turbo Levo: gli Americani hanno ripensato integralmente la loro miglior mountain bike elettrica, puntando sulle prestazioni.

Limature sensibili, a detta di Specialized, su pesi e dinamica di comportamento rendono la nuova Turbo Levo una promessa per gli amanti della eMTB.

Specialized Turbo Levo

Nuova Turbo Levo: più rigida, più divertente

Specialized ci tiene a comunicare immediatamente che la nuova Turbo Levo è la eMTB più divertente che abbia mai progettato.

Per farlo, oltre ai classici comunicati, si è affidata anche a Facebook, con un lancio in diretta virtuale e mondiale. Le prime caratteristiche di quel che è stato racchiuso nell’hashtag #thepowertoridemoretrails sono riassumibili con la triade leggerezza, rigidezza ed autonomia.

Specialized Turbo Levo

 

 

  • Leggerezza = potenza (+410%)

Specialized è partita facendo la cura dimagrante alla nuova Turbo Levo: sia telaio che motore sono stati alleggeriti.

Il motore Specialized 2.1, in particolare, ha contribuito alla trasformazione perdendo il 15% di peso rispetto al precedente modello sia grazie al corpo in magnesio che al montaggio diretto sul telaio.

Specialized Turbo Levo

Quest’ultimo è stato invece assottigliato per limarne la gravità. Il risultato complessivo dichiarato parla di un’amplificazione pari al 410% dell’input dato dal ciclista: il picco è di 560 W, la coppia di 90 Nm.

 

  • Rigidezza = reattività

Altra sterzata in favore del divertimento per gli e-mountainbikers che sceglieranno la nuova Turbo Levo è stata ottenuta apportando al telaio della bici le modifiche suggerite dallo sviluppo della Stumpjumper.

Il telaio della nuova eMTB Specialized è così più rigido – ossia, si oppone con maggior forza alle deformazioni elastiche derivanti dalle spinte che riceve durante l’utilizzo – trasferendo più nervosamente le energie applicate. 

Giovamento assicurato in termini di reattività e guidabilità.

 

  • Autonomia = more trails

Specialized ha ritoccato anche la batteria: ioni di litio, sì, ma in una versione potenziata che, nelle versioni S-Works ed Expert Carbon, vanta il 40% in più di capacità.

Specialized Turbo Levo

Si tratta infatti di 700 Wh integrati nel tubo diagonale della nuova Turbo Levo: oltre ad ingombrare poco alla vista, uniti alla leggerezza prima citata garantiscono alla eMTB un’autonomia maggiorata rispetto al passato.

 

Nuova Turbo Levo, nuova connessione, più personalizzazione

Può oggi una bici – elettrica, poi – non essere connessa? Ovvio che no, quindi Specialized ha lavorato anche questo, perfezionando il livello di smartness della sua eMTB.

Al manubrio è presente il Remote Control che, tramite il TCU e l’app Mission Control, permette di controllare e personalizzare le prestazioni della nuova Turbo Levo.

Specialized Turbo Levo

Che cos’è il TCU? Acronimo che sta per Turbo Connect Unit, è un dispositivo di sincronizzazione dei dati della bici posto al centro del tubo orizzontale del telaio: lavora tramite ANT+ e Bluetooth®, permettendo al rider di dominare la nuova Turbo Levo usando sia l’app Mission Control dedicata che altri dispositivi esterni.

Non resta che provarla.

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here