Boa è ormai un sistema di chiusura affermato sia nel mondo del ciclismo sia nel mondo outdoor. Si compone di tre parti: una rotella micro-regolabile, un laccio ultra-resistente e leggero e delle guide per i lacci a basso attrito. Il plus in grado di offrire Boa è quello di avere un fitting ottimale e offrore quindi la massima precisione in termini di chiusura.

Oggi Boa vanta 35 partner nel settore bici che integrano il sistema nei loro prodotti per garantire maggiore precisione, adattabilità e controllo. Di questi 35 partner, 25 marchi utilizzano il sistema nelle calzature, 8 nei caschi e anche brand di abbigliamento.

Proprio durante queste primi pedalate primaverili abbiamo avuto modo di provare due prodotti che vantano chiusura Boa: il casco Oakley ARO 3 e le scarpe Fi’zi:k R1 Infinito.

Oakley ARO 3
La nuova linea ARO del brand americano utilizza il sistema Boa e il casco che abbiamo avuto in uso utilizza rotella FS1-S + laccio TX1. Si tratta di un casco veramente molto comfortevole che, anche se all’inizio del test, ci aveva un po’ lasciati perplessi sul design si è rivelato un vero accessorio top.

Leggero, areato ma soprattutto con una calzata veramente comfortevole e con un fitting ottimale. Il casco, bisogna dirlo, non è un prodotto facile da indossare soprattutto se il contachilometri inizia a aumentare i numeri e il caldo si fa sentire. Spesso poi la prima impressione non si scorda mai, un po’ come quando si indossano delle calzature, quindi il modello ARO3 ha dato un felling immediato…. e non sempre accade!

La regolazione Boa che consente una chiusura regolare a 360° è veramente qualcosa di veramente interessante da provare inoltre, il tessuto morbido del laccio BOA TX1 è morbido, piatto e rimane sempre ben fisso sulla testa. Ma non è finita qui infatti, l’ARO3 è dotato di tecnologia MIPS e anche un dock per il fissaggio degli occhiali.

Un particolare dell’interno del casco dotato di tecnologia MIPS

Caratteristiche tecniche del prodotto
* Fascia frontale X-Static® ad azione antimicrobica per constrastare gli odori
* Calotta in policarbonato e strato protettivo in schiuma EPS
* BOA® rotella FS1-S
* Laccio TX1
* Sistema di protezione cerebrale MIPS®
* Struttura sagomata pro-aerazione
* Disponibile in 7 varianti colore
* Taglie S/M/L

Un altro particolare importante è la caratteristica possibilità ponytail

Fi’zi:k R1 Infinito
Se in questi giorni, guardando le immagini televisive del Giro d’Italia, facciamo attenzione alle scarpe indossate dai corridori in gruppo sarà facile vedere molti piedi calzare le Fi’zi:k R1 Infinito. Bianche (come il modello in foto da noi testate), nere, rosse oppure customizzate con i colori del team di appartenenza, le R1 Infinito sono sicuramente tra le calzature preferite dai professionisti e dai ciclisti evoluti. In particolare quelli che cercano nell’accessorio tecnico il binomio, non sempre raggiungibile, di performance e comfort.

Dalla calzata perfetta fin da subito, grazie struttura Dynamic Arch Support unita al sistema di controllo del volume, le Fi’zi:k R1 Infinito fondono in un solo corpo la parte superiore della scarpa al piede del ciclista. Questo processo è favorito dall’esclusiva qualità dei materiali impiegati nella lavorazione (tomaia in Microtex laser traforata 1,2mm di spessore) dimezzando oppure, com’è successo nel nostro caso, azzerando i tempi di adattamento; cosa che di prassi si aggira intorno alle due/tre settimane di intenso utilizzo.

La scarpa Fi’zi:k adotta il nuovo “Infinito” clusure system – dalla quale prende il nome – che stabilisce nuovi parametri di comodità, sicurezza e praticità. L’uso di guide tessili accuratamente posizionate elimina inoltre i punti di pressione. Con il suo doppio sistema di chiusura Boa IP1-B filettata, realizzato in acciaio rivestito nylon, permette micro-regolazioni per racchiudere in maniera perfetta e personalizzata la parte superiore dell’avampiede. Tale operazione può essere effettuata indipendentemente nella fase statica da fermo che in corsa mentre si pedala; soluzione utilissima, per esempio, mentre si sta preparando una volata o ci si appresta ad affrontare un momento di gara piuttosto concitato.

Altro plus riscontrato sulla R1 Infinito sono ventilazione e traspirabilità.

Lavorando in perfetta sincronia con le nuove tecnologie, la tomaia si combina con la nuova soletta ergonomica e traspirante. Una ventilazione ottimale permette di far rimanere il piede fresco anche nelle situazioni di maggiore pressione. Ne abbiamo avuto subito la riprova con le prime calde giornate primaverili e nelle gare di inizio stagione dove, distanza e molte ore in bici, cominciano a fare la differenza nella performance.

E per finire la suola.

Molto rigida e leggera, è realizzata in fibra di carbonio UD (acronimo di “unidirezionale”).

Progettata per preservare il piede da un naturale surriscaldamento permette di trasferire, ad ogni colpo di pedale, tutti i watt di potenza adattandosi allo stile personale di guida del ciclista.

Caratteristiche tecniche del prodotto:
* Materiale: Microtex laser traforata
* Suola: Full UD Carbon Vented
* Sistema di chiusura: Boa Double Infinito IP1
* Soletta interna: fi’zi:k Infinito Footbed
* Peso: 250 gr. (Taglia 42 come modello testato) – 500 gr. la coppia

www.theboasystem.com

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here