Le nuove tendenze nel campo delle mountain bike dal 31 agosto al 4 settembre – Cambi elettronici, sistemi di sospensioni variabili e ammortizzatori regolabili – Il nuovo trend del bikepacking.

32MediaDaysLa storia di Eurobike sul Lago di Costanza è iniziata 25 anni fa soprattutto come fiera dedicata alle mountain bike. Da allora Eurobike è cresciuta sino a diventare il punto di riferimento per il mercato globale della bicicletta. La specialità mountain bike non è solo un importante segmento di mercato, è anche la molla principale per lo sviluppo di nuove tecnologie. Lo dimostra anche la prossima edizione della fiera che si terrà dal 31 agosto al 4 settembre 2016, dove saranno presentate le novità per il 2017. Quest’anno il programma dei due Festival Day prevede non solo l’aspetto espositivo ma sarà anche possibile effettuare prove sui nuovi modelli di bici.

Eurobike 1991: L’Europa è contagiata dalla febbre da mountain bike. La nuova tendenza era arrivata solo pochi anni prima in Europa dall’America e il giovane segmento delle mountain bike ottenne con la nuova fiera al Lago di Costanza per la prima volta un punto d’incontro europeo. Negli ultimi 25 anni, la disciplina del mountain biking sostanzialmente non è cambiata: si percorrono sentieri di montagna sia in salita che in discesa. Se per esempio 25 anni fa un percorso di 40 chilometri era considerato lungo, oggi si attraversano le Alpi in escursioni di più giorni. Alcuni dei trail oggi considerati facili, i pionieri dello sport del mountain biking 25 anni fa li avrebbero affrontati con la bici in spalla. La ragione di questo sviluppo è da attribuire in parte anche all’evoluzione della tecnologia, che ha spostato di anno in anno il limite del possibile con il perfezionamento dei sistemi delle sospensioni, dei freni, delle ruote e dei cambi. Per il model year 2017 che i costruttori presenteranno in anteprima in occasione dell’Eurobike, saranno ancora una volta in prima linea i cambi elettronici. La tecnologia non è un fenomeno nuovo all’interno del mercato della bicicletta. Nel segmento delle biciclette da corsa, i ciclisti trasmettono da un po’ di tempo a questa parte l’impulso di cambio marcia tramite un cavo elettronico o addirittura completamente wireless. Anche nel segmento delle mountain bike è disponibile da quest’anno il gruppo XTR di Shimano, un cambio di marcia elettronica di altissimo livello per mountain biker. Di particolare interesse per il 2017 è il fatto che l’azienda introdurrà questa tecnologia anche in fasce di prezzo molto più accessibili. Anche se il gruppo XT all’interno della ‘gerarchià Shimano appartiene ancora alla fascia di prezzo alta, costa solo circa la metà dell’esclusivo gruppo XTR.

Una corona, tantissime possibilità

sram eagleIl concorrente della Shimano Sram ha un approccio un po’ diverso per quanto riguarda le mountain bike. Che gli americani siano una valida concorrenza nel campo dei sistemi di cambio elettronici, lo hanno già dimostrato nel segmento delle biciclette da corsa. Per l’impiego su strade sterrate Sram continua a puntare sulla trasmissione meccanica degli impulsi al cambio. Ciononostante, agli ingegneri del costruttore di accessori per bicicletta potrebbe essere riuscita l’innovazione della prossima stagione con il gruppo di trasmissione Eagle XX1: con i modelli per l’anno 2017, infatti, Sram abbandona completamente il sistema a corona ‘multiplà in anteriore. Al suo posto troviamo, in combinazione con il monocorona all’anteriore, un pacco pignoni posteriore con 12 marce e una vasta gamma di rapporti. Il pignone più piccolo conta 10 denti, il più grande ben 50. È una misura insolita anche dal punto di vista estetico. Il risultato è tuttavia una gamma di rapporti superiore, con la quale anche le salite più lunghe non spaventano più. Tra l’altro, la trasmissione Eagle XX1 è anche una delle più leggere presenti sul mercato.

 Gli ammortizzatori si regolano automaticamente

L’azienda americana non produce solo cambi, con il marchio RockShox è anche leader di mercato nel campo degli ammortizzatori sportivi. Nella stessa misura in cui i sistemi di sospensione delle mountain bike si fanno sempre più efficienti, cresce anche la loro complessità di regolazione. Le forcelle e gli ammortizzatori posteriori moderni possono essere oggi regolati in base al percorso, al peso del ciclista, allo stile di guida e ad altri parametri ancora. La regolazione del sistema di sospensione può anche essere semplice, come ha dimostrato recentemente la start up australiana Dusty Dynamics, acquisita pochi giorni fa, con la sua innovativa tecnologia ShockWiz, da Sram. Il sistema è composto da un modulo che si monta alla forcella o in posteriore ed è collegato con le cartucce ad aria degli elementi di ammortizzazione mediante un apposito raccordo.

Il bikepacking nelle caldi notti d’estate

Invece di terminare il giro in bicicletta a casa, si srotola il sacco a pelo nel bosco. Chi vuole può anche portare con sé una leggera tenda, ma nelle calde notti d’estate è sufficiente il cielo stellato. Il termine specifico per queste piccole avventure è il bikepacking. Alcuni espositori presenteranno all’Eurobike le loro novità di prodotto di questo nuovo segmento. La Ortlieb presenta per esempio una nuova serie di borse compatte che offrono spazio per tutto ciò di cui si ha bisogno per pernottare nella natura. L’azienda americana Surly (che si trova allo stand di Cosmic Sports) ha iniziato di recente a costruire biciclette specialmente per bikepacker.

È permesso toccare con mano

Quest’anno le innovazioni dell’Eurobike non riguardano solo gli espositori. La fiera stessa presenta con i Festival Days un nuovo e interessante concept: Eurobike non sarà più aperta al pubblico in un unico giorno, quello finale, da quest’anno i consumatori avranno a disposizione due giornate. Con i nuovi Festival Days che si svolgeranno il 3 e il 4 settembre (sabato e domenica), Eurobike si trasformerà in una grande festa dedicata a tutti gli appassionati della bicicletta. Durante i Festival Days, numerosi espositori metteranno a disposizione le loro novità anche per effettuare prove.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here