Da una necessità economica nasce una scoperta che darà alla luce WingBikes, un progetto del newyorkese Seth Miller per ottenere biciclette convenienti che non solo non hanno nulla da invidiare a modelli più costosi, ma che addirittura condividono gli stessi componenti. 

WingBike ebike
WingBike ebike via Instagram

E-bike, non solo un questione di prezzo

Comprare una bici elettrica può costarci molto denaro. Se non abbiamo abbastanza liquidità può essere più conveniente rimandare l’acquisto fino a che non si è raggiunta una somma adeguata, in quanto ebike eccessivamente economiche potrebbero col tempo presentare una serie di problemi non poco fastidiosi.

Aspettare la sostituzione di un pezzo o attendere che venga messa a posto una parte della bici implicherebbe a volte di restare senza mezzo e nella nostra testa potrebbe serpeggiare un’idea sbagliata su questi prodotti. Per scongiurare tale evenienza sarebbe meglio fin da subito spendere qualcosa in più, anche quando siamo ancora nel cosiddetto entry-level. 

Ma perché la qualità costa di più? E soprattutto, è possibile riprodurla spendendo meno? 

Quelli di WingBikes se lo sono chiesto e sono riusciti a trovare una risposta.

WingBike ebike
WingBike ebike via Instagram

WingBikes, quando la forma è anche sostanza

La storia di WingBikes nasce proprio da un problema economico. Seth Miller, un cittadino di New York a cui rubarono per l’ennesima volta la bici nella Grande Mela, era di nuovo alla ricerca di un e-bike quando osservò che acquistarne una come si deve sarebbe risultato troppo dispendioso per lui in quel momento: cominciò così a studiare un’ alternativa.

Scoprì che la maggior parte delle ebike vendute negli Stati Uniti è accomunata dal condividere i diversi componenti di fabbricazione (di solito cinesi), all’interno di un semplice catalogo reperibile online. Da lì all’immaginare di assemblarsene una proprio con quei pezzi il passo è breve; ed è esattamente  quello che Seth ha fatto.

WingBike ebike
WingBike ebike via Instagram

Lo stile delle WingBikes

I modelli della sua azienda visivamente ricordano molto quelli di VanMoof, probabilmente perché il distintivo tubo orizzontale che caratterizza il modello della casa olandese è esattamente lo stesso utilizzato da Miller per le sue Wing.

La start up newyorkese però ha scelto di non integrare la batteria nel telaio ma di lasciarla invece rimovibile; una decisone secondo me migliore rispetto a quella di VanMoof (dove la batteria è inserita nel canotto orizzontale), innanzitutto perché è ovviamente più semplice effettuare la ricarica, poi perché sarebbe meglio togliere la batteria se lasciamo la bici a lungo esposta ai raggi solari.

Certo la linea estetica e la sicurezza non sono le stesse che in VanMoof, ma nell’acquisto di una ebike ci sono sempre tante variabili personali da considerare. E, comunque, VanMoof costa quasi il doppio.

WingBike ebike
WingBike ebike via Instagram

Meno care, stessa qualità

Un punto di forza delle Wingbikes è proprio il prezzo, che si aggira intorno ai 1300€ per tutti e tre i modelli finora costruiti, Freedom, Freedom S e Freedom Fatty, le ultime due rispettivamente con ruote da 20” e ruote fat Kenda. Le caratteristiche di queste bici sono interessanti e raggiungono un buon grado di completezza per dei mezzi all’interno di questa fascia di prezzo.

Computer di bordo con campanello digitale incluso, luci anteriori e posteriori integrate nel famoso tubo orizzontale, freni a disco, sistema sonoro di antifurto molto semplice ed efficace che si attiva grazie ad un pulsante nel corpo della battery-key (un po’ come un automobile) e che si mette in azione non appena la bici viene mossa della sua posizione.

WingBike ebike
WingBike ebike via Instagram

Infine la batteria, che utilizza le stesse celle Panasonic di Tesla, si ricarica in 4 ore e può essere scelta in base alla sua durata in termini di copertura kilometrica (56 km, 72 km, 96 km).

La bici dovrebbe in totale pesare meno di 20 kg, ma non si capisce se in questo conteggio è compresa anche la batteria, che di suo pesa 2,3 kg (poco cambierebbe). Se poi vivete a New York o siete lì di passaggio, ci sono vari distributori che vi consentono di provarla; in caso contrario potete visitare il sito ufficiale di Miller e scegliere online il modello che più vi piace.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here