Dopo anni di ricerca e sviluppo, l’azienda veneta introduce nel proprio processo produttivo nella sede di Asolo la tecnologia X-TECH.

Una storia tutta italiana

Selle Italia SP-01

Da oltre 120 anni Selle Italia rappresenta il punto di riferimento nel comparto internazionale delle selle da bici, una posizione conquistata grazie a una costante evoluzione dei propri prodotti. E nel solco della tradizione dell’azienda trevigiana che vuole mantenere la produzione “made in Italy”, Selle Italia annuncia la conclusione del progetto di sviluppo denominato X-TECH. Un nuovo processo produttivo dai caratteri rivoluzionari che consentirà di realizzare una gamma di selle per mezzo di un impianto automatizzato, robotizzato e tecnologicamente molto avanzato. La nuova offerta sarà completamente “made in Italy”; questo consentirà di evitare la delocalizzazione della produzione all’estero e in paesi con manodopera low cost.

Le selle che nasceranno grazie alla tecnologia X-TECH saranno composte da una miscela di tecnopolimeri che le renderanno ecosostenibili. Tutte le componenti della sella saranno assemblate senza l’utilizzo di materiali collanti – con la possibilità di riciclare il prodotto dopo averlo utilizzato – dopo averne separato adeguatamente le varie componenti.

Una nuova gamma di prodotti che non dimenticherà nemmeno il binomio che ha reso il brand un punto di riferimento nel comparto: comfort e performance. La nuova imbottitura in “Total Gel”, completamente integrata con la scocca, assicura una seduta altamente confortevole senza tralasciare l’orientamento alla prestazione, leitmotiv di Selle Italia nel mondo.

Con X-TECH Selle Italia ottiene un altro grande obiettivo: la completa sostenibilità ambientale del processo produttivo. Un passo molto importante per l’azienda di Asolo che, oltre a presentare una concreta innovazione per il futuro del settore ciclistico, punta fortemente sui valori a difesa dell’ambiente.

Fonte ufficio stampa LDL COMeta

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here