Il sistema di illuminazione per biciclette Light SKIN è stato inserito tra i vincitori del Red Dot Design Award 2020 all’interno della categoria Product Design.

lightskin.co.kr

LED invisibili

Nato dall’idea del designer sud-coreano Jaeyong Lee, Light SKIN è formato da due componenti: il manubrio e il reggisella. Entrambi incorporano dei diodi LED, il primo per illuminare la strada, il secondo per segnalare la propria presenza agli altri veicoli. Il LED integrato nel manubrio è invisibile quando spento, si accende con un piccolo pulsante posto al suo fianco e produce un flusso luminoso di 200 lumen. Altre specifiche tecniche interessanti sono la batteria estraibile agli ioni di litio 18650 da 3,7 volt, una vera e propria pila da inserire dentro il lato destro del manubrio e che una volta carica assicura un funzionamento di circa 6 ore; in realtà dipende dall’intensità luminosa che si sceglie, poiché è possibile impostarne tre diversi livelli e il più basso permette di arrivare fino a 12 ore di autonomia.

lightskin.co.kr

Non per tutti i ciclisti

Il manubrio è pensato soprattutto per i ciclisti urbani, è ovviamente impermeabile ed è disponibile in due diverse misure, da 25,4 mm e da 31,8 mm di diametro. Il peso complessivo del modello più grande, comprendente quindi modulo LED, batteria e manubrio è di soli 335 gr. Passando al reggisella invece siamo di fronte ad un idea già più diffusa e vista, una fila di LED che salgono sul retro del tubo per i quali è possibile scegliere tra diverse modalità fra cui quella utilissima a sfarfallio. Forse gli unici difetti che mi sento di segnalare sono relative all’alloggio batteria, facilmente individuabile e che non consente di utilizzare il foro del manubrio ad esempio per uno specchietto; l’altro è l’ubicazione stessa dei diodi LED, sia per il manubrio che per il reggisella, in quanto non compatibili con eventuali portapacchi che ostacolerebbero la propagazione luminosa.

lightskin.co.kr

Il verdetto della giuria

La giura del Red Dot Design Awards si è espressa in modo molto più positivo affermando che “Il sistema di illuminazione LightSKIN utilizza in modo innovativo la tecnologia moderna e attira l’attenzione con il suo concept intelligente e funzionale” e assegnandogli il relativo premio 2020. E’ importante poi ricordare che Light SKIN, grazie alla sua lunga partnership con Schindelhauer (produttore e rivenditore tedesco di biciclette), è riuscita ad omologarsi per la circolazione su strada secondo la normativa tedesca StVZO. Il sistema Light SKIN è quindi certamente comodo per alcune tipologie di ciclisti: è già in vendita e si può acquistare presso il sito ufficiale, scegliendo tra le due opzioni di diametro, ma pagando per entrambi la stessa cifra di 134 € se si compra anche il reggisella; si scende a 90€ per il solo manubrio.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here