36 parkpreNon è mai semplice scegliere gli aggettivi giusti per descrivere una bicicletta. E’ uno strumento importante e fondamentale, sotto tutti i punti di vista. Serve per allenarsi, gareggiare e riuscire a mantenersi in forma. Con il modello k2in1, di Parkpre, potrete fare questo e altro senza problemi di nessun tipo. Scegliere e poter comunicare l’eccellenza! Questa è la consapevolezza che avrete con una fuoriserie delle due ruote. Con il modello in questione sarete in grado di scegliere se applicare, al vostro telaio, i classici freni “V-Brake” o quello a disco.

Sulla stessa struttura, quindi, sono presenti due impianti che permettono l’adozione delle differenti tipologie di controllo. Un controllo, che può essere utilizzato in varie condizioni climatiche. All’asciutto, d’estate, con il bagnato e in montagna. Sentirsi sicuri del proprio mezzo, equivale ad essere felici e comunicare gioia e spensieratezza. Il design all’avanguardia, consente l’assenza di criticità legate alle performance. Un taglio perfetto dell’aria, è il segreto di ogni ciclista professionista e amatoriale.

Il k2in1, infatti, ha un telaio monoscocca e pesa circa 950 grammi. Ha un movimento Press fit BB 86,5X41. E’ presente un passacavi interno. Ha una serie sterzo di 1/8” – 1/5” conica. Tutte queste caratteristiche, si fondono in un unico modello che ha l’obbiettivo principale di ottenere le massime prestazioni dal prodotto. Pensiamo ad esempio ai più grandi ciclisti di tutti i tempi; Fausto Coppi, Gino Bartali, Eddy Merckx, Marco Pantani; tutti fuoriclasse che devono il proprio successo alla sinergia di loro stessi con la propria bicicletta.

Lo strumento fondamentale per ogni atleta, risiede sì nella propria mente, nel mantenere i nervi saldi, nel combattere contro gli avversari in modo leale e trasparente ma anche, nel caso del ciclista, nella bicicletta che utilizza per le proprie avventure. Affidarsi a chi ha esperienza, professionalità, manualità nel plasmare telai performanti e funzionali al cento per cento diventa il più delle volte la chiave del successo, per vittorie e risultati che sembravano impossibili. Il ciclista e il suo mezzo diventano due componenti della stesso organismo, che si fondono insieme in un unica struttura.

Ma quali sono gli aspetti positivi dei freni a disco rispetto a quelli tradizionali (nel caso di un loro utilizzo)? Sicuramente, nella prima ipotesi, si controlla molto di più il mezzo. Facendo delle discese con una pendenza considerevole, ad esempio, nella stragrande maggioranza delle situazioni sarebbe necessario anticipare la frenata. Con l’impianto a disco, invece, lo stop è più certo, importante, e sicuro. E tale aspetto, molte volte, fa una considerevole e conscia differenza sotto tutti i punti di vista.

Essere sicuri di se stessi è fondamentale, ancor di più se parliamo del mezzo con il quale abbiamo a che fare tutti i giorni, per le nostre passioni, per gli hobby e soprattutto per lo sport. Avere consapevolezza di gestire un mezzo consono alle nostre aspettative, diventa certe volte un elemento fondamentale ed essenziale, sotto tutti i punti di vista. Affidarsi ad un’azienda come Parkpre, quindi, è la via vincente attraverso cui esplorare nuovi orizzonti e nuovi modi di interagire con l’attività fisica, sempre più importante e salutare.

Richiedi maggiori informazioni










Nome*

Cognome*

Azienda

E-mail*

Telefono

Oggetto

Messaggio

Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy*

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here