Pubblichiamo la risposta del CPA all’UCI cpariguardo all’uso dei freni a disco.

Il CPA (Associazione dei Corridori Professionisti Internazionale) vuole, con questo comunicato, rispondere a quello dell’UCI di qualche giorno fa, relativo all’autorizzazione all’utilizzo dei freni a disco nel ciclismo professionistico su strada nella stagione 2016.

Il CPA sottolinea che non è contraria all’evoluzione tecnologica nel ciclismo, come ha potuto sottolineare in numerose occasioni.

È chiaro che nel nostro sport c’è anche una componente meccanica, ma la ricerca e le innovazioni non devono essere introdotte senza prendere in considerazione le preoccupazioni prioritarie dei corridori, specie in termini di sicurezza.

In più occasioni abbiamo esposto i numerosi problemi legati a questa nuova tecnologia dei freni a disco.

Il CPA ha chiesto di essere parte integrante della commissione materiali dell’UCI per poter esporre il punto di vista dei corridori, purtroppo fino a oggi ancora senza successo e dunque lamentiamo che nessuno dei nostri rappresentanti sia presente in queste riunioni di lavoro.

Abbiamo molte indicazioni e suggerimenti da parte dei corridori che a volte non possono esprimersi in tutta libertà a titolo personale. Non si può ignorare infatti che l’industria del ciclismo sia un partner finanziario importante dell’economia del nostro sport e opporsi è a volte difficile.

Il CPA chiede dunque maggiori scambi e collaborazione su questo tema che per i corridori costituisce un’evoluzione importante, per la quale, per ora, sarebbe falso affermare che hanno dato il loro parere favorevole.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here