General Motors lancia un nuovo EV, decisamente più economico dei precedenti. Certo, si tratta di una, anzi, due biciclette a pedalata assistita, le prime prodotte dopo l’acquisizione di una serie di piccole compagnie specializzate proprio nel settore del pedale.

L’intento di GM è cavalcare il boom che la ebike sta attraversando, proponendo sui mercati USA ed UE una coppia di biciclette dal design curato e dalla spiccata vocazione urbana.

ARĪV

Arīv, un nome voluto dal web

Per lanciare questo nuovo prodotto GM si è affidata alla rete: in Novembre aveva infatti proposto un concorso su internet per sceglierne il nome, in palio addirittura 10mila dollari per il vincitore.

Alla fine il prescelto tra tutti quelli proposti è stato il nome Arīv: Arīv Meld designerà la versione normale, mentre Arīv Merge quella pieghevole.

ARĪV

Una bici, due anime

La General Motors Arīv è una bicicletta chiaramente studiata nel design, che deve le sue linee ai settori progettazione della Casa automobilistica: la concezione della Arīv è avvenuta tra le sedi del Michigan e quella canadese di Oshawa, in Ontario.

Sia la Merge che la Meld sono assistite nella pedalata da un motore che eroga nominalmente i classici 250 W come da normativa UE sui pedelec, cui GM guarda per l’introduzione sul mercato.

La differenza più grossa risiede nel fatto che la Merge è pieghevole, mentre la Meld no: per il resto le specifiche sono identiche e vantano batteria agli ioni di litio da circa 64 km di autonomia, fanaleria integrata a LED e freni a disco idraulici.

ARĪV

GM Arīv, una bici interamente concepita in Casa

Un aspetto interessante è che General Motors ha voluto progettare e costruire da sé il motore della Arīv: d’altronde non bisogna dimenticare che sia con la Chevrolet Volt che con altri modelli successivi, la Casa americana ha accumulato una discreta esperienza in quanto a veicoli elettrici.

GM ha sviluppato anche una app per il controllo dei parametri della bici, che si connette grazie al Bluetooth® integrato nei due modelli della Arīv: metriche come velocità, distanza percorsa, livello della batteria e quale tra le quattro assistenze alla pedalata scegliere saranno dunque a portata di polpastrelli.

Gm ha anche pensato ad un algoritmo proprietario che calcola il miglior percorso, inteso come quello che richiede meno assistenza e, dunque, meno fatica.

ARĪV

Nel 2019 in Germania, Belgio e Paesi Bassi

General Motors introdurrà le sue ebike Arīv Meld e Merge dapprima in tre mercati “campione”: si tratta dei fertili, da un punto di vista di mobilità alternativa. Paesi Bassi, Belgio e Germania.

Qui la bici a pedalata assistita di GM, che non è nuova a queste politiche a macchia di leopardo, sarà in arrivo grosso modo per la seconda metà del 2019, con lievi differenze di prezzo: Arīv Meld costerà 2.800 euro in Belgio e Paesi Bassi, mentre in Germania costerà 50 euro in meno. Allo stesso modo, Arīv Merge costerà 3.350 euro in Germania contro i 3.400 euro di Belgio e Paesi Bassi.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here