Gli amminoacidi ramificati (acronimati dall’inglese BCAA) sono tre aminoacidi (leucina, isoleucina e valina) inclusi nel gruppo di quelli indispensabili per l’organismo umano, ovvero essenziali. L’essenzialità, risiede nel fatto, che questi aminoacidi, non possono essere costruiti a partire da altre molecole nelle nostre cellule. Questo aspetto comporta che i BCAA devono essere assunti necessariamente con la dieta.

Agli inizi degli anni ’80 molto è stato l’interesse, da parte nutrizionisti, per l’impiego dei BCAA nell’integrazione sportiva.
Il metabolismo dei BCAA è coinvolto in alcuni processi muscolari biochimici specifici e sono stati condotti molti studi per capire se le performance sportive possono essere aumentate da una loro supplementazione.

I BCAA possono essere ossidati nei muscoli scheletrici, mentre altri amminoacidi essenziali sono catabolizzati (demoliti) principalmente nel fegato. L’intera via catabolica per i BCAA è localizzata nei mitocondri, organelli della cellula che fungono da centrali energetiche, e i primi tre passaggi della reazione sono comuni a tutti e tre i BCAA.

La prima reazione nella via è costituita dalla transamminazione reversibile dei BCAA per produrre α-chetoacidi a catena ramificata (BCKA), catalizzata (promossa) dall’enzima amminotransferasi della catena ramificata.

La seconda reazione è la decarbossilazione ossidativa irreversibile dei BCKA per formare i composti del coenzima A (CoA), catalizzata dall’α-chetoacido deidrogenasi della catena ramificata (BCKDH). I composti del CoA sono in grado di espandere il pool di intermedi del ciclo dell’acido citrico e sono utili per la gluconeogenesi, cioè la conversione degli amminoacidi in glucosio, processo che avviene per rifornire il sangue dello zucchero glucosio quando sono esaurite le scorte di glicogeno.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here