Uno standard condiviso da tutta l’industria della bicicletta per la ricarica delle batterie delle e-bike. È questa la voce che circola in Gran Bretagna e attorno ai tavoli normativi della UE, proprio, a quanto pare, per interesse di alcuni grandi attori dell’industria stessa del ciclo.

Il punto chiave è evidente: l’e-bike si sta consolidando come uno dei mercati più interessanti delle due ruote, la diffusione delle biciclette elettriche cresce esponenzialmente ed il propagarsi a macchia di leopardo di sistemi di alimentazione e ricarica differenti rappresenta un ostacolo.

La situazione è simile a quella – ancora irrisolta, per la verità – dei veicoli elettrici, dove la coesistenza di prese e sistemi di ricarica diversi da brand a brand ha come primo effetto negativo la confusione che ingenera negli utenti e, come secondo, la ricaduta sullo sviluppo frammentato dell’infrastruttura pubblica.

Per le e-bike non è diverso: a dispetto dell’originalità dei brevetti, la difformità di sistemi non aiuta a far comprendere in modo chiaro il funzionamento di una mobilità che, in line di massima, sarebbe oltremodo versatile ma, soprattutto, non favorisce il nascere di un’infrastruttura pubblica rivolta alle e-bike.

Vi è poi il capitolo sicurezza: quando un prodotto arriva a certi fattori di scala nella sua diffusione, per farne un mezzo di trasporto universalmente accettabile e proponibile occorrono degli standard.

Ecco allora che non tutti i sistemi sono waterproof, c’è chi la batteria può caricarla rimuovendola dalla bici, chi non può accedervi perché integrata nel telaio, i cavi per i collegamenti non è detto abbiano sempre dei sistemi di sicurezza che ne impediscano la rimozione durante la ricarica: tutte cose non trascurabili in ambito pubblico.

photo credit: European Cyclists’ Federation Relo-Steckantrieb1 via photopin (license)

L’infrastruttura stessa, dovendo lavorare con batterie e caricatori diversi, non è detto sia stata studiata per funzionare nel migliore dei modi con tutti, portando ad un’usura precoce. È la Bicycle Association britannica ne fa, ad esempio, una questione di strutture pubbliche a supporto della diffusione della pedalata assistita.

Per tutta questa serie di motivi e molti altri, si fanno sempre più insistenti le voci che vorrebbero alcune major del ciclo impegnate per l’adozione di un futuro standard unico di ricarica per e-bike.

Va ricordato che una norma ISO per le biciclette elettriche è allo studio: la ISO 4210, già approvata come standard britannico (BS) ed europeo (EN) nei punti da 1 a 9, prevede la discussione di uno standard di ricarica per pedelec nel punto 10.

Il suo sviluppo è guidato in prevalenza dai comparti industriali tedesco e giapponese, che hanno i maggiori interessi, assieme a Cina e USA, perché un eventuale norma internazionale non tagli fuori i rispettivi prodotti dal mercato e si basa fortemente sulla EN15194 recentemente approvata in Europa proprio sulle e-bike.

L’arrivo della ISO4210:10 non ha scadenza certa ma è fortemente attesa in quanto potrebbe rappresentare un precedente per l’unificazione dei sistemi di ricarica nel mondo delle bici elettriche.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here