Un legame indissolubile di storia, mito e leggenda. Selle Italia e Giro d’Italia da anni vivono una lunga storia d’amore che ha scritto e raccontato pagine bellissime nel mondo delle due ruote. Un legame che nel 2017 vive due momenti speciali e significativi: la Centesima edizione del Giro d’Italia e i centoventesimo anniversario di Selle Italia.

Per l’azienda trevigiana sono 120 anni di storia, di grandi successi e di indimenticabili trionfi. Dal lontano 1897, quando alle porte di Milano nacque l’azienda con lo scopo di creare selle da viaggio, il mondo è radicalmente cambiato e negli anni Selle Italia è diventato un marchio di riferimento per i tifosi e gli addetti ai lavori nel mondo delle due ruote. Da 50 anni è Giuseppe Bigolin, con passione e tenacia, a guidare l’azienda portandola ad ottenere prestigiosi successi.

Per celebrare il legame indissolubile con la corsa rosa, di cui è storico sponsor, Selle Italia ha lanciato per il 100° Giro d’Italia una sella in edizione numerata. La Flite Giro, la sella cult intramontabile sinonimo di glamour, utilizza una pelle di capretta tibetana e ha una speciale numerazione da uno a cento per ricordare le edizioni della corsa rosa.

Questa sella intende celebrare la centesima edizione del Giro d’Italia, la sua storia e le sue leggendari sfide. Una storia di cui l’azienda trevigiana è fiera di essere partner e di essere stata negli anni indiscussa protagonista. La Flite Giro rappresenta l’eleganza di un mito, quello della corsa rosa, che non tramonta mai. Un’edizione speciale e numerata della storica Flite 1990, un’ultraleggera da sempre sinonimo di stile ed esclusività.

Una storia straordinaria di successi e campioni. Gimondi, Merckx, Moser, Hinault, Cipollini, Indurain, Pantani, Bettini sono solo alcuni dei grandi nomi che hanno raggiunto alcuni dei loro più grandi trionfi utilizzando i migliori prodotti di Selle Italia. Un viaggio destinato a continuare e a raggiungere altri importanti traguardi.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here