A fine 2010 Kent mostra all’amico Adam l’idea per un nuovo sistema di illuminazione dedicato ai pedalatori notturni. Grazie all’aiuto iniziale di Kickstarter, l’innovativa piattaforma di finanziamento, il progetto si evolve rapidamente in un prodotto: Revolights, ossia un kit da applicare alle ruote della bici. È composto da una doppia corona di LED alta luminosità controllati da un sistema elettronico alimentato da una batteria al Litio.

L’innovazione consiste nell’utilizzo di un sensore di rotazione magnetico e di un accelerometro per ogni ruota grazie ai quali la centralina accende, in tempo reale, solo i LED che in quel momento si trovano nel settore anteriore (o posteriore) delle ruote stesse. Ciò è possibile grazie alla capacità, propria dei LED, di rispondere quasi istantaneamente agli impulsi di accensione e spegnimento.

L’effetto è un luminosissimo arco, davvero efficace lateralmente (angolazione problematica per i sistemi di illuminazione tradizionali e fonte di pericolo negli incroci). Anche la percezione luminosa anteriore e posteriore per chi segue o incrocia la bici è più ampia. Infine chi sta in sella può godere di un’illuminazione della strada omogenea e naturale, quindi più efficace rispetto al fascio concentrato di molti proiettori LED.

Difetti? Le batterie, ricaricabili da USB, durano solo 4 ore, ma è allo studio una versione alimentata dalla rotazione delle ruote che potrebbe garantire anche una riduzione di peso (attualmente di 350 grammi ogni ruota).

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here