L’Ayuntamiento de Madrid, ossia la municipalità della capitale iberica, ha un nuovo fiore all’occhiello: si tratta di BiciMAD, il servizio di e-bike sharing, vale a dire di noleggio pubblico di bici a pedalata assistita, passato recentemente in gestione alla Empresa Municipal de Transportes (EMT).

Il cambio di guardia ha fatto bene al servizio, che è passato dai 4.400 utilizzi medi giornalieri dello scorso settembre ai 9.000 attuali: un buon risultato che si evince dal bilancio presentato dalle autorità madrilene al termine del primo semestre di nuova gestione.

Oggi BiciMAD segue prevalentemente il tracciato della metropolitana M-30 ma è in progetto un’espansione sistematica del servizio che dovrebbe portare a 4.000 le unità entro il 2019. Allo studio le caratteristiche dei vari quartieri, mentre un primo potenziamento arriverà a fine anno con 1.100 nuove e-bike e 40 stazioni in più.

photo credit: Bob_Fisher_Photo Madrid – Hilera de bicicletas Bicimad via photopin (license)

In passato l’e-bike sharing di Madrid aveva sofferto di svariati disservizi legati alla localizzazione delle biciclette, risolti con la sostituzione dei GPS di bordo. Questo intervento ha reso molto più reperibili e disponibili le bici, il cui tasso di problematicità riscontrate, guasti compresi, è calato dell’84%.

Gli utilizzi dunque crescono e i disservizi diminuiscono, scendendo dal 10% al 4% dei mezzi in uso.

Madrid si scopre così attratta dall’e-bike condivisa, con il 60% dei 15.670 utenti registrati nel mese di aprile soddisfatto per il miglioramento della manutenzione ed il 65% addirittura propenso a considerare il balzo avanti di BiciMAD evidente.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here